Bike to work 2021 - Comuni con popolazione superiore ai 50.000 abitanti

Stato
Aperto
Tipologia di bando Agevolazioni, finanziamenti, contributi
Chi può fare domanda
  • Enti pubblici
Data di pubblicazione 27/08/2021

Obiettivi

La Regione Emilia-Romagna considera tra gli obiettivi prioritari il risanamento e la tutela della qualità dell’aria, tenuto conto delle importanti implicazioni sulla salute dei cittadini e sull’ambiente. In quest'ottica promuove attivamente diverse iniziative per sviluppare una mobilità sostenibile con una maggiore sicurezza per la circolazione ciclistica, per incentivare i trasferimenti casa-lavoro, casa-scuola, per favorire il cicloturismo e, in generale, per favorire l’avvicinamento dei cittadini a scelte di mobilità consapevoli. Il progetto “Bike to Work 2021”, in coerenza con la programmazione regionale, punta alla disincentivazione all’uso del mezzo privato e incentivazione all’uso della bicicletta, anche facilitandone l’interscambio con il sistema ferroviario.

Destinatari del contributo

Possono accedere al contributo i 13 Comuni con popolazione superiore a 50.000 abitanti, specificatamente nelle zone territoriali Pianura Ovest (IT0892) e Pianura Est (IT0893), interessate all‘infrazione europea per il superamento del valore limite giornaliero di PM10, oltre che Bologna (agglomerato IT0890) : Faenza, Imola, Carpi, Cesena, Piacenza, Forlì, Ferrara, Rimini, Ravenna, Reggio nell'Emilia, Modena, Parma, Bologna.

Interventi finanziabili

Sono finanziabili (80% del contributospese d’investimento per la realizzazione di interventi come percorsi ciclabili e/o di moderazione del traffico finalizzati a privilegiare la circolazione delle biciclette nel rispetto delle norme vigenti, ad esempio:

  1. Piste e percorsi ciclabili, in ambito urbano ed extraurbano;
  2. interventi di manutenzione straordinaria della sede stradale in ambito urbano finalizzati a garantire la sicurezza e incentivare la circolazione delle biciclette, nel rispetto delle norme vigenti, come:
    • corsie ciclabili;
    • casa avanzata, con linea di arresto per le biciclette in posizione avanzata rispetto alla linea di arresto per tutti gli altri veicoli;
    • bike lane come parte della ordinaria corsia veicolare ad uso promiscuo, delimitata mediante una striscia bianca discontinua, con destinazione alla circolazione dei velocipedi;
    • interventi di moderazione delle velocità finalizzati a garantire l’uso condiviso dello spazio stradale da parte di tutti gli utenti della strada;
    • zone a velocità veicolare ridotta (zone 30), zone a traffico limitato, strade scolastiche, percorsi sicuri casa-scuola;
    • infrastrutture di servizio per la biciletta nelle polarità urbane (di trasporto pubblico, servizi socio-sanitari, amministrativi, culturali) come velostazioni, depositi veicoli, rastrelliere portabiciclette e attrezzature per la sosta delle biciclette atte a ridurre il furto.

Sono finanziabili anche (20% del contributospese correnti per incentivi all’uso della bicicletta:

  • Incentivi chilometrici per gli spostamenti casa-lavoro in bicicletta ai dipendenti di aziende nella misura massima di 20 centesimi a km e nella misura massima di 50 Euro mensili cadauno, a seguito di accordi di incentivazione all’uso della bicicletta in sostituzione dell’autoveicolo privato dei Mobility manager aziendali o responsabili della mobilità aziendale;
  • incentivi per la riduzione del costo dell’utilizzo del bike sharing da utilizzare prioritariamente per gli spostamenti casa-lavoro, da attuare mediante accordi di mobility management con le aziende. In caso il servizio sia in fase di avvio o sia stato avviato successivamente al 1° gennaio 2020, tali incentivi potranno essere utilizzati per ridurre le tariffe del bike sharing per tutti gli utenti;
  • incentivi per la riduzione del costo del deposito delle biciclette presso le velostazioni o altri depositi finalizzati all’interscambio modale che siano convenzionati con il Comune.

È possibile chiedere il finanziamento per più interventi, che dovranno essere presentati come un unico progetto con un unico CUP (master).

Modalità di partecipazione

I Comuni destinatari di contributo dovranno sottoscrivere un protocollo d'intesa e inviare alla Regione Emilia-Romagna la documentazione indicata nell'Allegato A (vedi "Documentazione").

Documentazione

  • Delibera della Giunta regionale n. 1332 del 24 agosto 2021Progetto "Bike to work" 2021. Messa in cantiere di iniziative per la mobilità sostenibile con ulteriore impulso alla mobilità ciclistica nei 13 Comuni con popolazione >=50.000 abitanti delle zone territoriali interessante al superamento dei valori limite di qualità dell'aria e specificatamente del numero annuale di superamento del limite giornaliero del particolato PM10
  • Allegato A (pdf455.64 KB) in formato pdf  - Schema tipo di Protocollo d'intesa e Scheda della proposta progettuale del Comune beneficiario
  • Allegato A (rtf3.78 MB) in formato rtf

Servizio Trasporto pubblico e mobilità sostenibile

Viale Aldo Moro 30
40127 Bologna


email:

Materia: Ambiente | Mobilità e trasporti

Azioni sul documento

pubblicato il 2021/08/27 18:22:00 GMT+2 ultima modifica 2021-08-30T10:53:36+02:00

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi ?

Piè di pagina