Città metropolitana, via all'indagine telefonica sulla qualità del servizio di trasporto pubblico locale

Partirà il 24 gennaio. L'obiettivo è definire e monitorare i piani urbani della mobilità sostenibile (PUMS)

Prenderà il via da martedì 24 gennaio (per circa 20 giorni) l'indagine campionaria telefonica (CATI) sui comportamenti di mobilità e sulla qualità percepita del servizio di Trasporto Pubblico Locale, rivolta alla popolazione e agli abbonati del territorio metropolitano bolognese.

Oltre all’effettuazione delle due indagini (eseguite con cadenza annuale) sul bacino metropolitano di Bologna riguardanti le abitudini di mobilità individuali e la qualità percepita del trasporto pubblico locale rivolte a cittadini (2.000 casi) e abbonati (limitatamente alla sola customer satisfaction su 400 casi), nella primavera ne verrà eseguita una terza che concentrerà l'attenzione esclusivamente sui comportamenti di mobilità, in particolare la catena degli spostamenti, e coinvolgerà 3.500 cittadini. Le tre indagini sono finalizzate alla definizione e al monitoraggio dei piani urbani della mobilità sostenibile (PUMS), con l’obiettivo di verificare l'efficacia e l’efficienza del sistema di mobilità.

Le indagini 2023, progettate e seguite dal Servizio Studi e Statistica per la programmazione strategica, in collaborazione con SRM - Servizio reti e mobilità (tramite la sottoscrizione di una convenzione), saranno strutturate in continuità con le edizioni precedenti, sia in termini di contenuti che di modalità operative di raccolta dei dati.

Fonte: Città metropolitana di Bologna

Azioni sul documento

ultima modifica 2023-01-20T14:14:54+01:00
Questa pagina ti è stata utile?

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi ?

Piè di pagina