Osservatorio per l'educazione alla sicurezza stradale

Monitoraggio delle attività di educazione stradale dell'anno scolastico

Aggiornato ai dati dell'anno scolastico 2015-2016

Nel 1994 la Regione Emilia-Romagna ha sottoscritto un Accordo con le Istituzioni scolastiche, rinnovato nel 2014, per sostenere i programmi dell’educazione alla sicurezza stradale nella scuola, aggiornati nel tempo per adeguarli alle mutate condizioni e normative. 

L’educazione alla sicurezza stradale, all’interno dei “Piani di offerta formativa” degli istituti scolastici di ogni ordine e grado, ha reso possibile attivare sperimentazioni didattiche e culturali; il valore culturale del Codice della Strada è entrato nel mondo della scuola, come contenuto di educazione civica, volto a stimolare riflessioni finalizzate a comportamenti rispettosi della vita propria e altrui. 

Il Ministero dell'Istruzione, Università e Ricerca si pone l’obiettivo, in tema di educazione alla sicurezza stradale, di contribuire all’implementazione dei principi democratici e di legalità sui quali deve fondarsi la convivenza civile. Essa consente l’acquisizione di conoscenze e consapevolezze che rendono il giovane completo e pronto ad affrontare l’ambiente strada e l’intera società. 

L'educazione alla sicurezza stradale diventa tanto più importante e fondamentale se si sposta lo sguardo oltre i confini nazionali, ovvero all’Unione Europea.

La Comunicazione della Commissione, del 20 luglio 2010, al Parlamento europeo, al Consiglio, al Comitato economico e sociale europeo e al Comitato delle regioni – «Verso uno spazio europeo della sicurezza stradale: orientamenti 2011-2020 per la sicurezza stradale» identifica sette obiettivi strategici che gli stati nazionali devono fare propri e mettere in pratica nel corso del decennio.

Tra questi, il primo è il “miglioramento dell’educazione stradale e della preparazione degli utenti della strada”.

Gli obiettivi europei, incrociando le linee d’azione già portate avanti dalle Istituzioni e dalle Scuole nazionali, devono rafforzare ed incentivare l’impegno nella realizzazione di percorsi didattico formativi che mirino a sviluppare una cittadinanza attiva europea in un’ottica di scambio di esperienze, di crescita e di cooperazione.

L’educazione alla sicurezza stradale necessita di attenzione in tutti i cicli scolastici, sollecitando la consapevolezza e l’interiorizzazione di norme, valori e comportamenti che possano favorire una costruttiva forma di convivenza e prevenzione del rischio.

Per questi motivi l’educazione al corretto comportamento su strada si contestualizza nelle tematiche più generali di educazione alla legalità, alla cittadinanza attiva e al rispetto della Costituzione. Il discente deve essere accompagnato, in tutto il suo percorso scolastico, fino all’ultimo anno della Scuola Secondaria di II grado, da itinerari appropriati e opportuni di educazione stradale, studiati in modo da essere congruenti con le fasi dello sviluppo e delle possibili azioni sulla strada nonché dei livelli raggiunti di autonomia.

Il progetto “Maggio in strada - tutto l’anno- La bottega delle idee e dei progetti”, ha avuto una durata di 17 anni dal 1999 al 2015.

Il progetto raccoglieva le attività scolastiche del territorio in materia di educazione stradale, iniziative, manifestazioni e progetti realizzati nelle scuole durante tutto l’anno scolastico.

Da "Maggio in strada" si è passati alla divulgazione del “Monitoraggio delle attività di educazione stradale" che si realizzano, ogni anno scolastico, negli Istituti scolastici.

Risultati del monitoraggio

 

Ordine di scuola Alunni che hanno partecipato a progetti di educazione stradale
Infanzia 12.491
Primaria 56.426
I grado 29.601
II grado 14.506
Educazione per adulti 199
Totale 113.223

Fonte: Ufficio Scolastico Regionale dell’Emilia-Romagna. (* Educazione rivolta agli Adulti)

 

Provincia Istituti scolastici coinvolti in attività di educazione stradale
BO 113
FE 42
FC 57
MO 93
PC 34
PR 55
RA 44
RE 67
RN 40
totale 545

Fonte: Ufficio Scolastico Regionale dell’Emilia-Romagna.

 

Province e Città metropolitana interessate 9
Istituzioni comunali coinvolte 340
Comandi di polizia municipale promotori  131
Studenti coinvolti nelle attività di educazione stradale in tutte le tipologia scolastiche, dalle materne alle superiori. 20.806

Fonte: Comandi di Polizia municipale promotori - anno 2015

Azioni sul documento

pubblicato il 2016/09/16 09:30:00 GMT+1 ultima modifica 2018-07-30T07:51:20+01:00

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi ?

Piè di pagina