Settore idroviario

Trasporto merci idroviario

Il trasporto merci sul fiume ha mantenuto una certa vivacità fino agli anni ’70, per poi calare progressivamente, dal momento che l’efficienza e l’economicità del trasporto su gomma hanno portato molti imprenditori ad abbandonare l’idrovia.

Il sistema idroviario padano-veneto pveneto_monit2018.png

Questa modalità di trasporto consente grandi vantaggi in termini di sicurezza e rispetto dell'ambiente. Si stima che i costi esterni, che comprendono anche quelli relativi all'inquinamento, al consumo di territorio e agli incidenti, siano circa 1/18 di quelli della strada. A questi vantaggi si aggiungono quelli relativi al risparmio energetico: le idrovie consentono un consumo energetico per tonnellata trasportata che è inferiore a quello ferroviario ed è circa un terzo di quello stradale.

Anche il 2017 ha confermato le difficoltà del trasporto delle merci nel sistema idroviario padano-veneto, con valori ancora inferiori alle 150.000 tonnellate già evidenziati nell'ultimo biennio.

C’è stato un lieve aumento dei prodotti siderurgici, mentre si mantengono sostanzialmente stabili i fertilizzanti e i prodotti chimici. I trasporti eccezionali sono più che raddoppiati. 

Le merci trasportate sul sistema idroviario padano veneto, oggetto di relazione tra porti interni e porti marittimi, si sono attestate su valori prossimi alle 150.000 t.

Azioni sul documento

pubblicato il 2014/03/05 12:20:00 GMT+2 ultima modifica 2019-12-17T11:30:27+02:00

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi ?

Piè di pagina