INIWAS

Improvement of the Northern Italy Waterway System: Removal of physical bottlenecks on the Northern Italy Waterway System to reach the standards of the inland waterways class V (Miglioramento della rete idroviaria del Nord Italia: eliminazione dei colli di bottiglia sul sistema idroviario padano veneto, per adeguamento agli standard europei della classe V)

iniwas_cofinanziato.png

Descrizione del progetto

Il sistema navigabile del fiume Po e dei canali ad esso collegati rientra tra le Reti strategiche europee (Reti Core), nell’ambito del Corridoio Mediterraneo (Milano-Cremona-Mantova-Venezia-Ravenna-Trieste). Tale sistema connette i porti interni di Cremona e Mantova a Ferrara, Porto Garibaldi e Venezia, Porto Nogaro e Monfalcone.

Il progetto INIWAS si pone in continuità con i progetti già finanziati all’interno del Programma TEN-T 2007-2013 e ha come obiettivo l’eliminazione di sei colli di bottiglia che ostacolano la navigazione interna lungo il sistema idroviario padano-veneto.

Partner

  1. Agenzia Interregionale per il Fiume Po (project manager e capo fila)
  2. Regione Emilia-Romagna (dal 2017 sostituisce la Provincia di Ferrara)
  3. Sistemi Territoriali S.p.A.
  4. Ministero delle Infrastrutture e Trasporti tramite il soggetto attuatore Reti Autostrade Mediterranee (RAM S.p.A)
  5. Unione Navigazione Interna Italiana (UNII).

Attività previste

1 – La nuova conca di Isola Serafini

Responsabile dell’attività è AIPO. 

La nuova conca di “Isola Serafini” permetterà di superare la barriera che precludeva la continuità della navigazione sul fiume Po, a monte di Monticelli d’Ongina (Piacenza).

2 - Il bacino di evoluzione di Porto Levante

Responsabile dell’attività è Sistemi territoriali S.p.A.

Scopo di questa attività è l’allargamento del letto del Po e la realizzazione di nuove arginature, al fine di realizzare un bacino di evoluzione.

3 - La riqualificazone del Canale Boicelli con l’adeguamento di due ponti e due botti sifone

Responsabile dell’attività è la Regione Emilia-Romagna che opera per mezzo dell’Agenzia Regionale per la sicurezza del territorio e la protezione civile – Servizio Area Reno e Po di Volano (a partire dal 01/01/2017 in sostituzione della Provincia di Ferrara)

L’obiettivo dell’attività, è quello di adeguare il tratto del Canale Boicelli, tra Pontelagoscuro e Ferrara, per migliorare il collegamento con il fiume Po e il resto del sistema idroviario del Nord Italia. Attualmente infatti alcune infrastrutture esistenti impediscono il passaggio delle navi di classe Va e costituiscono i colli di bottiglia per la navigabilità.

Gli interventi consistono:

- nella demolizione e ricostruzione di due botti sifone (Botte Sifone Canal Bianco e Botte Sifone Canale Cittadino).

- nella demolizione e ricostruzione del Ponte Bardella e del Ponte ferroviario merci. 

4 - Comunicazione e divulgazione dei risultati

Responsabile dell’attività è UNII.

5 – Gestione degli aspetti amministrativi e della parte finanziaria del Progetto

Responsabile dell’attività è RAM S.p.A.

Durata del progetto

Dal 01.01.2014 - 31.12.2019

Notizie

L’avvio del progetto è stato presentato ai tecnici e alla stampa a Parma il 4 febbraio e a Chioggia il 5 febbraio 2016

Siti web

 

 

Azioni sul documento

pubblicato il 2018/03/15 11:20:00 GMT+1 ultima modifica 2018-03-23T10:59:00+01:00

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi ?

Piè di pagina