Osservatorio per l'educazione alla sicurezza stradale

Fair Play

fair playUna campagna per promuovere una maggiore convivenza civile sulle strade fra le varie tipologie di utenti e per prevenire gli incidenti che spesso hanno come vittime i più deboli: bambini, anziani, disabili.

E' Fair Play, il progetto dell'Osservatorio per l'educazione alla sicurezza stradale che, ponendosi "zero morti sulla strada" come obiettivo finale, punta a sottoscrivere un patto fra coloro che condividono la strada e a superare incomprensioni e criticità che possono sfociare negli incidenti.

Ad essere valorizzati sono i comportamenti volti alla sicurezza più che alla velocità, uscendo da una visione egocentrica a favore di un atteggiamento empatico.

Il progetto, in fase sperimentale, coinvolge l’area metropolitana, con l’intenzione di estenderlo a tutto il territorio regionale.

Non solo: Fair Play si pone come progetto partecipato, con l'obiettivo di stilare un vademecum di buone pratiche e raccogliere idee concrete per realizzarle con il contributo dei cittadini.

L'appello dell'Osservatorio è stato accolto da rappresentanti di tutti gli utenti della strada; al relativo tavolo, attivato nel maggio 2017, siedono attualmente 25 soggetti. Per i ciclisti, Consulta della bicicletta, Federciclismo, Fiab e Salvaiciclisti. Per i motociclisti, la Federazione italiana motociclisti. Per gli automobilisti, l'Aci. Per i taxisti, CAT e Cotabo. Per il trasporto pubblico locale, Tper e rappresentanti sindacali degli autisti Tper. Per le istituzioni, il Comune di Bologna (Disability manager e ispettore della Polizia municipale), la Curia e l'Università di Bologna. Per le associazioni, Uisp e Legambiente.

 

Azioni sul documento

ultima modifica 2018-07-30T08:41:31+02:00

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi ?

Piè di pagina