Metromare, inaugurata la nuova linea di trasporto pubblico che collega Rimini e Riccione

Elemento strategico per la mobilità sul territorio. Molte opere hanno riqualificato le aree lungo il percorso

Inaugurato sabato 23 novembre, col taglio del nastro a Riccione e gli interventi delle autorità a Rimini, il Metromare, nuova linea di trasporto pubblico che aggiunge un elemento strategico per ridisegnare il sistema della mobilità sul territorio.

L’obiettivo finale è quello di alleggerire il peso del traffico veicolare quotidiano, offrire l’opportunità di spostamenti rapidi, sicuri e meno inquinanti, facilitare la connessione con i punti nevralgici degli arrivi legati all’industria turistica. Il Metromare migliora la raggiungibilità e la mobilità di un territorio che attrae decine di milioni di presenze turistiche annue.

La realizzazione del nuovo sistema di trasporto è stata, e sarà, occasione per interventi di riqualificazione urbana lungo tutta la tratta

All’inaugurazione Paola De Micheli, Ministra delle Infrastrutture e dei Trasporti e Stefano Bonaccini, Presidente della Regione Emilia-Romagna, coi sindaci del territorio ed il Presidente della Provincia Riziero Santi

Nei prossimi giorni verrà siglato un protocollo d'intesa tra Regione, Provincia e i comuni interessati, per garantire il proseguimento del Metromare da Riccione a Cattolica e allungare quindi l’attuale percorso fino a comprendere le città di Rimini e Cattolica.

In questo modo anche Misano Adriatico e Cattolica, non servite dalla rete dell'Alta Velocità, potranno superare ciò e tutte le stazioni diverranno degli hub intermodali.

Stesso ragionamento vale per il Comune di Santarcangelo. Il secondo tratto del Metromare raggiungerà la Fiera di Rimini, ma da lì dovrà proseguire verso la Stazione di Santarcangelo, che così diventerà la porta d'accesso della Valmarecchia. Gli spostamenti dei pendolari, studenti e lavoratori, ne trarranno grande vantaggio e l'intero sistema turistico finalmente potrà muoversi lungo la costa. e non solo, con grande facilità e comodità. Verrà assicurato non solo maggiore velocità e certezza dei tempi, ma anche grande cura dell'ambiente, auto che vengono tolte dalle strade, meno CO2 prodotta e un'idea seria e realizzabile della mobilità sostenibile, a vantaggio di tutti, superando divisioni e campanilismi.

Il Metromare collega le due più grandi città della Provincia in meno di 25 minuti, con bus che corrono su sede dedicata; ha avuto un costo di 92,053 milioni di Euro finanziato per il 60% dallo Stato e per il restante 40% dagli enti locali sottoscrittori dell’Accordo di Programma: Regione Emilia Romagna, Provincia di Rimini, Comune di Rimini, Comune di Riccione e Patrimonio Mobilità Provincia di Rimini (PMR).

Oltre ai capolinea, sono 15 le fermate intermedie, partendo da Riccione sono state denominate: Porto, Dante, Alba, D’Annunzio Nord, Marano, Miramare Airport, Miramare Station, Fiabilandia, Rivazzurra, Marebello, Bellariva, Toscanini, Lagomaggio, Pascoli e Kennedy. Attenzione alla sicurezza, con 98 telecamere monitorate da una sala controllo.

L’asta di collegamento più baricentrica è un contributo decisivo anche per facilitare l’attraversamento di quella che è sempre stata una barriera storica fra area urbana e area turistica. A ciò contribuiranno le opere realizzate: 4 nuovi sottopassi carrabili, 3 nuovi sottopassi e 9 ristrutturati, 9 sottovia, 2 ponti e 7 ponticelli scatolari.

Inoltre, quattro rotatorie per l’inversione di marcia dei bus.

I lavori hanno anche consentito l’eliminazione di tutte le interferenze con la rete di servizi e sottoservizi urbani, che nel corso degli interventi è stata manutenuta o migliorata garantendo nuova qualità alle reti. 

Di rilievo il risparmio ambientale. Secondo una indagine di qualche tempo fa, l’utilizzo a pieno regime del nuovo sistema ridurrà il traffico sulla direttrice costiera riminese di oltre diecimila auto al giorno.

Le analisi sugli impatti indicano che l’inquinamento atmosferico da polveri sottili sarà ridotto dell’11%. Si tratta di circa 50 tonnellate in meno di polveri sottili all’anno. Risparmi anche di tempo rispetto alle attuali possibilità: nel periodo estivo anche del 60%. 

Il servizio, con transiti ogni 20 minuti, è partito con mezzi a metano e ibridi di nuova generazione. Resteranno in servizio fino all’arrivo di quelli definitivi e il loro rapido collaudo.

Fonte: Comune di Rimini

Azioni sul documento

pubblicato il 2019/11/25 09:38:00 GMT+2 ultima modifica 2019-11-25T09:47:50+02:00

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi ?

Piè di pagina