Bologna, la zona a traffico limitato diventa ambientale. Previsti anche incentivi per il trasporto pubblico

Le novità da gennaio 2020

Dal primo gennaio 2020 la Zona a Traffico Limitato (Ztl) a Bologna diventerà ambientale. Significa che i criteri con i quali saranno rilasciati i permessi di accesso al cuore della città saranno ambientali: non ci si baserà più solo su requisiti funzionali, come la residenza, ma anche sulla compatibilità ambientale dei veicoli a motore.

Il Comune revocherà automaticamente e progressivamente i contrassegni in vigore ai veicoli Euro 0 (dal 2020), Euro 1 (dal 2021), Euro 2 (dal 2022), Euro 3 (dal 2023), Euro 4 (dal 2024) ed Euro 5 (dal 2025).

L’introduzione della Ztl ambientale è accompagnata da incentivi all’uso del trasporto pubblico. Il bonus mobilità sostenibile spetta a tutti i residenti del centro storico ai quali progressivamente sarà revocato il contrassegno di accesso alla Ztl, a condizione che non chiedano un nuovo contrassegno. Il bonus spetta anche a chi decide volontariamente di rinunciare al proprio contrassegno anche se l’auto non rientra nelle categorie che progressivamente saranno tenute fuori dalla Ztl.

Il bonus dura un anno, si può chiedere al massimo per due anni e viene erogato da Tper a chi sceglie di muoversi col bus, con i taxi/Ncc, col car sharing o col bike sharing anziché con l’auto privata.

Tutti i dettagli sul portale del Comune di Bologna.

Azioni sul documento

pubblicato il 2019/07/23 08:22:00 GMT+2 ultima modifica 2019-07-23T08:23:41+02:00

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi ?

Piè di pagina