Ravenna, ecco il Piano della mobilità ciclistica urbana ed extraurbana

Approvato di recente, definisce il sistema ciclabile complessivo del territorio

Incentivare i trasferimenti casa/scuola, casa/lavoro, favorire il ciclo-turismo verso le vicine località e i centri abitati del proprio territorio nonché le aree naturalistico-paesaggistiche dei comuni limitrofi, e, in generale, favorire l’avvicinamento dei cittadini a scelte di mobilità consapevoli. Sono alcuni degli obiettivi del “Piano della mobilità ciclistica urbana ed extraurbana e delle vie pedalabili di interesse regionale e nazionale nel territorio comunale”, recentemente approvato dalla Giunta comunale ravennate.

A partire dalla descrizione del quadro generale della mobilità del capoluogo, il documento focalizza la sua attenzione sulla mobilità ciclistica di tutto il territorio, evidenziandone le caratteristiche, anche sulla base di indagini appositamente predisposte, individuando le possibilità di sviluppo e analizzando anche i poli di attrazione turistica e storico-naturalistica del territorio.

Nel documento è evidenziata tutta la rete dei percorsi pedalabili, incluse le sovrapposizioni rispetto alle reti regionali e nazionali, pervenendo così alla definizione del sistema complessivo del territorio.

Il Piano consente poi la preziosa opportunità di collaborare con i Comuni vicini per incrementare gli spostamenti, soprattutto cicloturistici e ciclonaturalistici anche attraverso accordi o protocolli d’intesa nell’intento di generare una rete di ciclovie utilizzabili tutto l’anno con la valorizzazione dei siti di interesse in un ambito territoriale vasto.

Sul territorio comunale sono stati pertanto individuati percorsi pedalabili per 203 chilometri di cui solo 12 chilometri ancora da realizzare per rendere interamente percorribile la rete; su tale rete vanno a sovrapporsi gli 85 km di sviluppo della Ciclovia adriatica che consentiranno di collegare, a livello locale, i territori di Comacchio, Ravenna e Cervia.

Sempre in area comunale la dotazione di infrastrutture rivolte alla mobilità ciclistica (piste ciclabili) risulta attualmente di circa 137 chilometri divisi in area urbana (67 km, 27% in più rispetto al 2007) ed area extraurbana (69 km, 44% in più rispetto al 2007).

Azioni sul documento

pubblicato il 2018/09/07 07:17:43 GMT+1 ultima modifica 2018-09-07T07:17:43+01:00

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi ?

Piè di pagina