sabato 16.12.2017
caricamento meteo
Sections

Trasporto merci, logistica urbana e Porto di Ravenna

Il trasporto ferroviario delle merci e le risorse per la sua incentivazione, l'autotrasporto, la logistica urbana e il porto di Ravenna

Cosa fa la Regione

Nel settore della logistica e del trasporto merci la Regione esercita alcune funzioni di carattere generale, come la pianificazione delle infrastrutture per il trasporto, la programmazione e l’indirizzo per lo sviluppo del sistema regionale dei trasporti, la promozione e la partecipazione a progetti sul trasporto e la logistica, anche in ambito europeo, per la ricerca, la sperimentazione e la diffusione di pratiche di efficienza e innovazione.

Le aree di intervento sono:

Più nel dettaglio, nell’ambito del trasporto ferroviario merci e logistica la Regione si occupa dello sviluppo della rete di infrastrutture collegate agli scali e di quelle destinate a promuovere l’intermodalità, oltre che degli aspetti tecnologici per migliorare l’organizzazione del traffico. A fine 2009 ha emanato una legge di incentivazione al trasporto ferroviario (L.R. 15/09 ”Interventi per il trasporto ferroviario delle merci”), che gestisce e finanzia direttamente. Il 30 giugno 2014 è stata approvata un'altra legge analoga (L.R. 10/2014) per l'incentivazione del trasporto ferroviario e del trasporto fluviale e fluviomarittimo delle merci.

Nel settore del trasporto merci su strada e dell’autotrasporto la Regione svolge un’attività di impulso e di coordinamento delle azioni degli Enti locali e formula indirizzi e pareri, mentre in quello della distribuzione delle merci in città (logistica urbana) promuove e sostiene iniziative e interventi, sia infrastrutturali che tecnologici, che coinvolgono gli Enti locali e il mondo della produzione e distribuzione delle merci. Ha finanziato inoltre i costi di progettazione delle piattaforme per la distribuzione delle merci nelle città, attraverso i fondi della L.R. 30/98, e delle realizzazioni tramite specifici Accordi di Programma. Alcuni progetti pilota sono finanziati grazie alla partecipazione della Regione a progetti europei specifici.

Quanto al porto di Ravenna il quadro istituzionale di riferimento è la Legge n. 84 del 1994 - Legge quadro sui porti, che prevede la separazione tra funzioni di programmazione, realizzazione e gestione delle infrastrutture strettamente portuali, affidate a pubbliche autorità, e lo svolgimento delle attività portuali inerenti l’imbarco e lo sbarco di persone e merci, svolte in regime di mercato, con il solo limite, legato alla limitatezza delle banchine disponibili, della fissazione di un numero massimo di operatori. Rimane una zona grigia, quella dei cosiddetti servizi nautici, che, per ragioni di sicurezza della navigazione, vengono mantenuti in regime di monopolio.

In questo contesto opera l’Autorità di sistema portuale del mare Adriatico centro-settentrionale, ente pubblico non economico a cui è affidata la gestione delle infrastrutture portuali e l’attività di programmazione, svolta attraverso l’attuazione del Piano regolatore portuale (PRP) e nell’ambito della pianificazione territoriale statale, regionale e locale. A seguito dell’entrata in vigore della L.R. 3/99 l’approvazione del PRP spetta alla Provincia, mentre la Regione esprime un parere.

A chi rivolgersi

Servizio Viabilità, logistica e trasporto per vie d'acqua
Viale Aldo Moro, 30
40127 Bologna
tel. 051.527.3758
fax 051.527.3459
Viabilita@regione.emilia-romagna.it

Responsabile Alfeo Brognara


Logistica trasporto merci
Giuliana Chiodini
tel. 051.527.3985
Giuliana.Chiodini@regione.emilia-romagna.it

Azioni sul documento
Pubblicato il 25/02/2013 — ultima modifica 20/11/2017
Strumenti personali

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it